Laghetto art.le Ziegelhutte - Bacino N 1

BACINO DI PESCA N° 1
Vai ai contenuti

Menu principale:

Laghetto art.le Ziegelhutte

Le risorse idriche complementari
IL LAGHETTO ARTIFICIALE DI ZIEGELHUTTE
Nel centro storico di Sappada, borgata GRANVILLA, dalle adiacenze della monumentale Chiesa Parrocchiale si stacca un percorso stradale asfaltato che scende verso il Piave e lo scavalca dopo poche centinaia di metri verso valle,dirigendosi verso l'argine destro orografico dell'immissario torrente KRUN POCH ( Rio Storto ).
In corrispondenza di un altro ponte che oltrepassa il Rio dirigendosi lungo il suo alto argine sinistro, a continuazione di una strada sterrata che poi per sentieri CAI sale al passo Digola da un lato e verso il bivacco Franco Marta ( m.s.m. 2045 ) tra Terza Media e Terza Grande ad ovest, prosegue in lieve pendenza una carrareccia, ritagliata sul versante boscato, propedeutica ad altro sentiero CAI segnalato con il numero 317 che si arrampica sino a quota 1600 s.m. per svoltare subito verso destra sul sentiero n.322 e raggiungere la quota di 1985 m.s.m. del frequentatissimo Bivacco Damiana Del Gobbo.
E' in quest'area forestale, a circa mezzo chilometro dal precitato ponte sul Piave, in una spaziosa terrazza naturale al piede del "Bosco Piano" che, negli anni '80 l'Associazione Pescatori "Sorgenti del Piave" con la collaborazione del comune pladense, ha realizzato questo bacino artificiale dedicato alla pesca sportiva.
Siamo a quota 1.180 m.s.m. in un'area ricca di risorgive dove, negli anni '50 e '60 era attiva una importante cava di argilla dalla quale si ricavavano laterizi per l'edilizia. Da qui la denominazione di " ZIEGELHUTTE"( baracca di mattoni) nella parlata germanofona degli originali residenti, di cui pare esser si appropriato la declinazione orale ed il significato storico, appunto il sito.

Il bacino è stato ottenuto per intercettazione di un paio di abbondanti risorgive e di un modesto ruscello concorrente.
Una ridotta opera non impattante di sbarramento, dotata di un semplice sistema di regimazione manuale, consente la disponibilità costante di superficie di circa 3.000 mq. con profondità di massimo invaso prossima a tre metri.
Il ricambio idrico della capacità del bacino è garantito dai flussi costanti che presentano alto tasso di ossigeno disciolto e PH sufficientemente acido, senza mai problemi di eccessiva torbidità anche nei periodi di insistenti precipitazioni e nel contesto della stagione del disgelo: sono favorite pertanto le immissioni di salmonidi ( Trota Fario e Trota Iridea ) in buone quantità per le esigenze sia dei pescatori residenti che dei numerosi appassionati Ospiti.
L'area dispone anche di una grande vasca per la stabulazione temporanea del materiale ittico e di un piccolo edificio rustico, luogo di ricovero, sosta e relax che, tra l'altro, offre un servizio di noleggio delle attrezzature da pesca, esche e ... consigli gratuiti di esperti pescatori, sempre disponibili con i turisti, oltre alle responsabilità di cura e custodia dell'impianto.
BACINO DI PESCA N° 1     -   COMELICO - ALTO PIAVE
e-mail: info@bacinocomelicosappada.eu
Torna ai contenuti | Torna al menu